Dipendenze Svizzera – Alcol: le preferenze degli svizzeri
 
Home » Attualità » Comunicato stampa

Alcol: le preferenze degli svizzeri

08 marzo 2016, 10:00

Foto © pixabay

Oltre la metà dell’alcol bevuto dai giovani è birra, che viene consumata soprattutto durante il weekend. Tra gli adulti, però, il vino ha il sopravvento ed è la bevanda alcolica più diffusa nel nostro paese. Il Monitoraggio svizzero delle dipendenze fornisce informazioni sulle preferenze degli svizzeri in fatto di alcolici.

Il vino è la bevanda alcolica preferita nel nostro paese. Quasi il 60% dell’alcol consumato in Svizzera è infatti vino (inclusi i vini spumanti). Un ulteriore 30% viene invece bevuto sotto forma di birra, il 5% come superalcolici, il 3% come aperitivi o cocktail e l’1% circa come alcopop (le bevande alcoliche gassate al gusto di frutta). Dal recente rapporto redatto nell’ambito del Monitoraggio svizzero delle dipendenze sul consumo alcolico suddiviso per categorie di bevande, che ha evidenziato nel dettaglio le preferenze degli svizzeri, è inoltre nuovamente emerso che gli uomini bevono nettamente più delle donne. Oltre alle cifre relative alle vendite raccolte dalla Regia federale degli alcol, il sondaggio fornisce informazioni sul consumo delle singole bevande alcoliche in base all’età, al sesso e alla regione linguistica in cui risiedono i consumatori.


I giovani preferiscono la birra: nella fascia d’età tra i 15 e i 24 anni, oltre la metà dell’alcol viene appunto consumato sotto forma di birra. Rispetto alle altre categorie d’età, i giovani bevono anche più spesso superalcolici, cocktail e alcopop. Con il passare degli anni, però, le persone tendono a bere più vino (dai 15 ai 19 anni lo bevono il 16%, tra gli ultrasettantacinquenni l’84%), mentre il consumo di birra (dai 15 ai 19 anni la bevono il 53%, tra gli ultrasettantacinquenni l’11%) e delle altre bevande alcoliche tende a diminuire.

Si beve soprattutto durante il fine settimana, nella misura del 60% in più rispetto ai giorni feriali, e maggiormente sotto forma di superalcolici e birra che non di vino. A bere nettamente più alcol durante il weekend che in settimana sono in particolare le fasce d’età più giovani. Invecchiando, gli svizzeri bevono invece meno durante il fine settimana, ma in compenso di più nei giorni feriali.

Panorama praticamente immutato

Tra il 2011 e il 2015 si sono riscontrate pochissime differenze. Nel 2015 le donne hanno consumato proporzionalmente più vino rispetto al 2011 (nel 2011 il 69%, nel 2015 il 78%), ma meno birra (nel 2011 il 17%, nel 2015 l’11%). Tra gli uomini le percentuali sono rimaste invariate.

La Svizzera romanda al primo posto

I dati raccolti di recente dal Monitoraggio svizzero delle dipendenze confermano che nella Svizzera francese, in particolare, e nella Svizzera italiana si consuma globalmente più alcol, e soprattutto più vino, che nella Svizzera tedesca. In proporzione, nella Svizzera tedesca il consumo di vino corrisponde al 56% del consumo totale e in Romandia al 69%.

Il Monitoraggio svizzero delle dipendenze è un progetto di ricerca commissionato

Dipendenze Svizzera è un centro nazionale di competenza nel settore delle dipendenze. Si occupa di ricerca, concepisce progetti di prevenzione e si impegna nell’ambito della politica sanitaria. L’obiettivo della nostra ONG è prevenire o attenuare i problemi che risultano dal consumo di alcol e di altre sostanze psicoattive, nonché dal gioco d’azzardo o dall’uso di Internet.

Per maggiori informazioni:

Monique Portner-Helfer
Addetta stampa
mportner-helfer@ich-will-keinen-spamsuchtschweiz.ch
Tel.: 021 321 29 74

Stampa la paginaRSS
 
.hausformat | Webdesign, Typo3, 3D Animation, Video, Game, Print