Home » Attualità » Comunicato stampa

Alcol e tumori: si sa ancora troppo poco

03 agosto 2017, 10:00

Illustrazione ©crowd - pixabay

Gran parte della popolazione continua a ignorare che il consumo di alcol può causare tumori. Come è emerso da un recente sondaggio, dal 2012 ad oggi la consapevolezza di questo nesso, incontestato nel mondo scientifico, è rimasta molto bassa.

Da uno studio rappresentativo condotto nell’ambito del Monitoraggio svizzero delle dipendenze risulta che in generale si sa ben poco degli effetti cancerogeni dell’alcol, sebbene in Svizzera i tumori rappresentino all’incirca un terzo dei decessi causati dal consumo di alcolici. Nel caso del cancro della bocca e della faringe, il 50,1% degli intervistati ha riconosciuto che il tumore potrebbe essere una conseguenza negativa del consumo di alcol. Per quanto attiene invece al tumore del colon o del retto, il nesso è stato riconosciuto dal 56,6% degli interpellati e, nel caso del cancro al seno, solo dal 24,2%. Il recente Rapporto del Monitoraggio svizzero delle dipendenze, stilato da Dipendenze Svizzera su incarico dell’Ufficio federale della sanità pubblica, contribuisce ad approfondire le conoscenze della popolazione sui nessi tra alcol e salute.

Anche un consumo moderato aumenta i rischi

I tumori alla bocca e alla faringe, al seno, al colon e al retto sono chiaramente conseguenze negative del consumo alcolico e i rischi di sviluppare un cancro aumentano già con un consumo moderato, ossia a partire da un bicchiere al giorno. La consapevolezza è particolarmente bassa per quanto riguarda il nesso tra consumo alcolico e cancro al seno. Come sintetizza Gerhard Gmel, autore dello studio e ricercatore a Dipendenze Svizzera: "Occorrono maggiori informazioni e un dibattito pubblico più ampio sul fatto che l’alcol aumenti il rischio di tumori".

Rispetto alle donne, gli uomini sono meno convinti che consumare alcol possa causare un cancro. Inoltre, nella Svizzera tedesca la consapevolezza degli effetti cancerogeni dell’alcol è minore rispetto alla Svizzera romanda e italiana.

In linea di massima si può affermare che chi non beve (più) alcol di solito è più consapevole dei rischi di sviluppare un tumore. Chi presenta un consumo a rischio, invece, ritiene che l’alcol non sia così pericoloso. In generale chi beve in modo rischioso sottovaluta i rischi per la salute del proprio consumo alcolico; dal 2012 ad oggi questo atteggiamento sembra essersi ulteriormente diffuso.

Ben informati sulle malattie del fegato e altre conseguenze

La popolazione pare invece molto più conscia di altri effetti negativi del consumo alcolico: oltre l’85% degli intervistati ha infatti confermato che l’alcol può causare infortuni, patologie epatiche, avvelenamenti e problemi psichici.

Per maggiori informazioni:
Markus Meury
Addetto stampa
mmeury@suchtschweiz.ch
Tel.: 021 321 29 63

Dipendenze Svizzera è un centro nazionale di competenza nel settore delle dipendenze che si occupa di ricerca, concepisce progetti di prevenzione e si impegna nell’ambito della politica sanitaria. L’obiettivo della nostra ONG è prevenire o attenuare i problemi che risultano dal consumo di alcol e di altre sostanze psicoattive, nonché dal gioco d’azzardo o da un uso smodato di internet.
Seguiteci anche su Twitter

Monitoraggio svizzero delle dipendenze

Lega contro il cancro: informazioni sull’argomento sotto Prevenzione del cancro > Poco alcol

Stampa la paginaCondividiRSS
 
.hausformat | Webdesign, Typo3, 3D Animation, Video, Game, Print